Ucraina orientale: i punti in discussione a Minsk.

11 Feb 2015

L’unico punto finora certo di questo incredibile maxi-negoziato segreto – con diplomatici di 4 Paesi impegnati direttamente e con quelli americani osservatori interessati – è che si sta trattando il cessate il fuoco insieme alla creazione immediata di una zona demilitarizzata, che si estende da 50 a 70 chilometri dalla linea del fronte. Quest’ultima è calcolata sull’attuale situazione creatasi sul terreno nell’ultimo mese e non su quella superata dell’estate scorsa alla base degli accordi di Minsk di settembre. Stando ad alcune rilevazioni, i separatisti hanno conquistato in gennaio circa 500 kmq di territorio governativo. Minsk1

Il vero pericolo per i civili è rappresentato dalle artiglierie pesanti, utilizzate a tutto spiano dalle due parti in causa. Allontanarle così tanto dalla linea del fronte significa garantire sicurezza. Da buoni militari ex sovietici sia gli uni che gli altri prima radono al suolo i possibili siti nemici poi fanno avanzare la fanteria ed i carri armati.

Il secondo punto riguarda l’ingresso in Ucraina orientale di una forza di interposizione o di pace. Gli occidentali e gli ucraini puntano alla presenza di caschi blu dell’Onu, mentre i separatisti sono favorevoli soltanto ad unità composte da militari provenienti da Paesi ex sovietici.

Il terzo punto, forse il più dolente, è la chiusura della frontiera gruviera tra Ucraina e Russia. Al momento non è chiaro come si possa realizzarlo, ma appare evidente che qualcuno dei contendenti debba cedere.

Sulle questioni prettamente politiche Kiev è disposta a concedere ampia autonomia ai distretti del Donbass e Lugansk in mano ai separatisti, che, però, non hanno alcuna voglia di tornare sotto la giurisdizione ucraina. Il Cremlino vorrebbe la “federalizzazione” della repubblica slava sorella, ma su questo aspetto non si negozia. L’unica soluzione è un conflitto congelato come in Dniestr, dove dal 1992 esiste uno Stato “non riconosciuto”, formalmente parte della Moldova, ma in realtà indipendente.

gda

Comment Form

Welcome

We are a group of long experienced European journalists and intellectuals interested in international politics and culture. We would like to exchange our opinion on new Europe and Russia.

Rossosch – Medio Don

Italiani in Russia, Ucraina, ex Urss


Our books


                  SCHOLL