Muro Berlino 1989-2019, Dopo 30 anni i “Muri” sono altri.

9 Nov 2019

 I “Muri” non sono più militari ed ideologici come ai tempi della Guerra Fredda, ma soprattutto economici, politici ed energetici. L’Europa centro-orientale si è letteralmente svuotata e, globalmente, secondo alcuni studi, ha perso, dal 1989, 24 milioni di abitanti.
 Se la Russia con Mosca e San Pietroburgo in testa ha vissuto all’inizio del secolo un boom impressionante collegato con l’aumento astronomico dei prezzi delle materie prime per poi cadere in una profonda crisi dopo il 2014, la Polonia è cresciuta enormemente grazie all’adesione all’Unione europea del primo maggio 2004. Il suo Pil ha compiuto passi in avanti significativi, facendo ottenere oggi a Varsavia il quinto posto tra le economie comunitarie.
 Le repubbliche baltiche sono sopravvissute ad una realtà socio-economica complessa, cercando di tenersi lontane dall’abbraccio della vicina Mosca. Dal 2007 Romania e Bulgaria restano il fanalino di coda in numerosi campi tra i Ventisette.
 L’Ucraina, al contrario, ha realizzato una vera e propria “rivoluzione” geostrategica, segnando un divorzio storico dalla “Grande Madre” russa. In estrema sintesi, il Polo continentale dell’Ovest attrae molto più che quello dell’Est. Kiev sogna di seguire il medesimo percorso positivo di Varsavia dopo il 1989. E nel frattempo la sua “forza lavoro” (un milione di migranti legali ed un altro milione di stagionali) è la “benzina” segreta dell’ascesa economica polacca, nel 2018 Pil a 5,1%.
 Oggi la linea di demarcazione – che al tempo della Guerra Fredda correva in Germania, Cecoslovacchia e nei Balcani – è arretrata di un migliaio di chilometri circa fino al confine tra la Russia, l’Ue e l’Ucraina.
 Gda

Comment Form

You must be logged in to post a comment.

Welcome

We are a group of long experienced European journalists and intellectuals interested in international politics and culture. We would like to exchange our opinion on new Europe and Russia.

Rossosch – Medio Don

Italiani in Russia, Ucraina, ex Urss


Our books


                  SCHOLL