Russia Svizzera, chance unica

23 Nov 2009

Ambasciata elvetica a Mosca

 Perdere questo momento in Russia sarebbe davvero imperdonabile. L’ex superpotenza sta tentando faticosamente di uscire dalla durissima crisi finanziaria che l’ha colpita. I suoi tassi di crescita, per quasi un decennio in forte salita, sono crollati d’incanto. Ma il mercato russo resta uno dei più promettenti al mondo fra quelli emergenti una volta che l’attuale tempesta finisca. La Svizzera ha le carte in regola per giocare una partita impensabile soltanto un paio d’anni fa, quando sembrava che tutto quello che era russo fosse stato toccato da re Mida.

 La recente visita del presidente Dmitrij Medvedev nella Confederazione è solo un punto di partenza, non di arrivo. E’ il primo rilevante risultato della politica iniziata con il riconoscimento della Russia come erede dell’Urss nel dicembre ’91.

 Negli ultimi 24 mesi la diplomazia elvetica ha segnato numerosi punti a favore nello spazio ex sovietico. Su tutti la complessa mediazione nella secolare disputa tra Armenia e Turchia e soprattutto il ruolo svolto nel dopoguerra russo-georgiano. Berna rappresenta gli interessi di Mosca in Caucaso e viceversa quelli di Tbilisi presso il Cremlino.

 Quanto siano dolorosi gli eventi sanguinosi dell’agosto 2008 è comprensibile in particolare dalle generazioni più anziane. Tanti i matrimoni misti. Dopo gli ucraini e i bielorussi i georgiani sono sempre stati considerati dai russi come fratelli. La musica, il mangiar bene, il vino vengono per antonomasia da quelle parti. E’ come se i napoletani un giorno litigassero con il resto d’Italia.

S.E. Ambasciatore Walter Gyger

 

Riuscire a riportare il sereno nei rapporti tra queste due repubbliche ex sovietiche non sarà facile. Servirà un cambio di potere a Tbilisi. Ma agire come arbitri seri e confidenti fidati garantirà possibilità sorprendenti.

 Politica ed economia a queste latitudini sono strettamente connesse. Si pensi ai benefici per le imprese tedesche ed italiane ottenuti indirettamente per l’amicizia tra i leader.

 La Svizzera ha ora le sue chance. Servono determinazione e conoscenza del mercato in presenza anche di prezzi ridimensionati dalla crisi. Nel 2008 le esportazioni in Russia hanno toccato i 3,18 miliardi di franchi, mentre le importazioni 1,05. Si può compiere un deciso salto di qualità. E’ necessario, però, un piano – perché no, ambizioso – che definisca gli obiettivi primari da raggiungere e la tempistica.

 Le imprese farmaceutiche, alimentari e del lusso rosso-crociate hanno importanti fette di mercato, ma si può fare molto di più come possono ulteriormente crescere il turismo e gli investimenti russi nella Confederazione. Per adesso, Mosca si guarda bene dal seguire la strada americana sul segreto bancario elvetico ed in futuro è difficile che lo faccia. Troppe sono le verità sconvenienti per certe élite.

Comment Form

Welcome

We are a group of long experienced European journalists and intellectuals interested in international politics and culture. We would like to exchange our opinion on new Europe and Russia.

Rossosch – Medio Don

Italiani in Russia, Ucraina, ex Urss


Our books


                  SCHOLL