“Damascus is the “Stalingrad” of Russian diplomacy. After years of geopolitical withdrawal, Moscow has chosen Syria as a way to revive its image of power in the world. “Not one step back” is the Kremlin’s new strategy, as it was for the Red Army along the banks of the Volga river during World War II. To be more convincing, the Kremlin has simultaneously flexed its muscles by supplying sophisticated […]


“Gli Stati Uniti rimangono un partner fedele del Kosovo”. Con queste parole il segretario di Stato Usa, Hillary Clinton, ha salutato, il 17 febbraio, il secondo anniversario dell’indipendenza dell’ex provincia serba, che, per Washington, ha tentato di svilupparsi come un’“aperta repubblica multinazionale e democratica”.

 Di parere opposto Belgrado. “La Serbia non la riconoscerà mai come entità sovrana”, si legge in un messaggio del presidente Tadic, che ritiene “pericolosa” la “strategia di integrazione” messa in atto da Pristina nei confronti delle aree abitate dalla minoranza slava (120.000 persone). Queste zone, il 15% del territorio nazionale totale, non sono controllate dal governo centrale.

 In Kosovo i festeggiamenti sono stati imponenti. Le 65 bandiere degli Stati, che hanno riconosciuto l’indipendenza, sono state esposte sul corso principale della capitale. Centro dei festeggiamenti è stato il Parlamento. “In questi 2 anni – ha detto il presidente Fatmir Sejdiu – abbiamo dimostrato al mondo che la nostra indipendenza ha portato pace e stabilità alla regione”.

 Il neo Stato – uno dei più poveri d’Europa – che ha finora ricevuto 4 miliardi di euro in aiuti, necessita di altre donazioni. La disoccupazione arriva al 40% tra i 2 milioni di abitanti; lo stipendio medio si aggira sui 240 euro mensili. Il 65% della popolazione ha meno di 30 anni. La violenza tra le diverse nazionalità e la criminalità diffusa sono un ostacolo agli investimenti stranieri.

 La Nato mantiene 10.000 militari e 2.000 poliziotti. “Il Kosovo resta una fonte ed un luogo di traffico illegale”, attesta una relazione della Commissione europea del 2009.

 Tra i Paesi che non hanno riconosciuto l’indipendenza del neo Stato, oltre alla Serbia, anche Russia, Cina, India, Brasile, nonché 5 membri Ue tra cui la Spagna (assai vigile sui movimenti baschi e catalani).

 Il “precedente” del Kosovo ha provocato nello spazio ex sovietico un autentico terremoto. Dopo la fine della guerra d’agosto con la Georgia nel 2008 il Cremlino ha riconosciuto l’indipendenza delle due regioni separatiste da Tbilisi dell’Ossezia meridionale e dell’Abkhazia.

 Iran is Israel’s arch foe and the Jewish state accuses Tehran of trying to develop a nuclear weapon. By contrast, Russia has the strongest ties with Iran of any major power and has repeatedly urged restraint in the nuclear standoff.

  Israel, like the U.S. and much of the international community, believes ayatollahs’ program is aimed at developing a nuclear bomb, which Iran denies. While Jerusalem says it hopes diplomacy will resolve the nuclear standoff, it has not ruled out military action and Iran has frequently mentioned it could suffer a military strike from Israel or its allies.

  Israel has been on the forefront of pushing for sanctions, and Mr. Netanyahu said Monday they could be effective since 80 percent of the Iranian economy was based on energy. Russia generally has resisted new sanctions but has shown increasing frustration over the past week as Tehran proceeds with uranium enrichment despite international pressure.

  Mr. Netanyahu highlighted that in his talks with Mr. Medvedev he noticed a shift in the Russian position. “I can say that Russia definitely understands there is a need to prevent Iran from obtaining nuclear weapons and it understands that steps must be taken,” he said. “I think that Russia understands Iran’s direction very well and is considering what to do with other members of the Security Council.”

  Last week, Iran announced its decision to enrich uranium to higher levels, sparking warnings from President Barack Obama of punishing sanctions against the Islamic regime.

  Russia has also yet to fulfil a contract to deliver sophisticated S-300 missile systems to Tehran, a deal that has worried Israel as it would significantly strengthen Iranian air defences against military action. 

The deputy secretary of the Russian security council Vladimir Nazarov said Sunday there was no reason not to send Iran the S-300 missile system, saying a “contract was signed which we must fulfil.”

 These declarations were also meant to send a message to Israel that it does not approve the resumption of its arms sales to Georgia, which were frozen in August 2008.  According to the Itar-Tass, Israel resumed the sale of arms to Georgia and “is no longer limiting itself to the sale of UAVs [drones],” which are perceived to be defensive weapons. The truck-mounted S-300 can shoot down hostile missiles or aircraft up to 150 km [90 miles] away. 

  In 1981, Israeli warplanes destroyed an Iraqi nuclear reactor, and what is believed to be an Israeli air attack in 2007 destroyed what the U.S. says was a nearly finished nuclear reactor in Syria that would have been able to produce plutonium.

See : Article in  The Jerusalem Post – Russia: S-300 delivery delayed’

Официальный “медальный план” российских олимпийцев на зимних Играх в Ванкувере-2010 предполагает выигрыш 31 медали, из которых 11 золотых. Однако ничего не идет по плану. Впервые почти за полвека даже фигуристы не выиграли соревнования спортивных пар на Олимпиаде.

МК – Айдер Муждабаев

статья

ЛДПР потребует отставки главы Олимпийского комитета РФ Леонида Тягачева, а также министра спорта, туризма и молодежной политики Виталия Мутко из-за провала в Ванкувере. 28 февраля в Канаду должен прибыть президент РФ Дмитрий Медведев. Через четыре года Россия будет проводить Олимпиаду в Сочи. В Турине Россия заняла четвертое место в общекомандном зачете, а в Солт-Лейк-Сити – пятое. В 2006 г. российские спортсмены увезли из Италии восемь золотых, шесть серебряных и шесть бронзовых медалей.

статья

Кто виноват?

Президент России Дмитрий Медведев подвел итоги выступления сборной в Ванкувере. На встрече с руководством партии «Единая Россия» он заявил, что чиновники, которые были ответственными за подготовку олимпийской команды к Играм, должны уйти в отставку. «Тот, кто нес ответственность за подготовку к Олимпиаде, должен нести ответственность и сейчас, – отметил глава государства. – Ответственные лица должны будут принять мужественное решение и написать заявления. Если не смогут, мы им поможем».

статья НГ – 2.03.2010

FIAT в России

13 Feb 2010

Российская компания «Соллерс» и итальянский автоконцерн Fiat подписали соглашение о создании совместного предприятия. Государство инвестирует в проект в общей сложности 2,1 млрд. евро.

Совместное предприятие будет выпускать девять новых моделей различных классов, при мощности до 500 тысяч автомашин в год, из которых не менее 10% планируется поставлять на экспорт.

Время Новостей  – 12.02.2010

Юлия МИРОНОВА статья

газета Неделя статья

Nord Stream go-ahead

13 Feb 2010

  Finnish environmental officials have given the final permission. The Nord Stream, a German-Russian joint venture, is to begin building the pipeline later this year.

 “In May 2011 the construction is to be completed on the sea section and on land in Germany and Russia,” Russian prime minister Vladimir Putin said. “And gas will start to be pumped in September (2011).”

 Following the approval by Danish, German, Russian and Swedish authorities, Finland was the last country in the region to grant permit. About 375 kilometers of the pipeline will run through Finland’s exclusive economic zone in the Gulf of Finland.

 The Nord Stream project involves building a 1,223-kilometer pipeline to deliver gas to western Europe from Russia, bypassing Eastern Europe. When finished, it will cross the Baltic sea and will connect the Russian port of Vyborg with the German port of Greifswald.

 The first branch of the pipeline with a capacity to ship 27.5 billion cubic meters a year will become operational in two years. The addition of a second branch will double capacity to 55 billion m³ a year. The overall cost of the project is put at about 7.4bn euros.

 Russia’s Gazprom  has a 51% stake in the Nord Stream AG joint venture. BASF/Wintershall and E.ON Ruhrgas each have 20% stakes and N.V. Nederlandse Gasunie has 9%.

Critics

 This pipeline, that in the past was called by some Polish politicians “the new Molotov-Ribbentrop pact”, becomes the first transit option for Russian gas for European customers that avoids networks in Ukraine. A 2009 dispute between Kiev and Moscow forced Gazprom to cut supplies for weeks. Polish Foreign Minister Radosław Sikorski said that this project is only “a waste of European consumers’ money”. The Polish authorities have pointed out several times that the Russo-German consortium has not been able to explain why a sea route is better than the cheaper land option. Warsaw and other ex-communist Baltic Sea states such as Estonia and Lithuania have warned that the pipeline will increase Europe’s direct dependence on Russia for natural gas

History and reasons

 The senior project, Nord Stream, emerged in 1997 as a projected route for the direct transportation of gas from Russia to Northern Germany and Western Europe via the Baltic Sea. The new pipeline was intended not only to diversify the export routes for Russian gas in case of problems with the transit states, but also to pave the way for Gazprom to enter new markets in Europe.

Gas extraction in the North Sea is decreasing, and the current producers and net exporters of this raw material, Denmark, Holland and Great Britain, are gradually turning into importers. The reduced version of the Nord Stream project (an idea to build a branch to Great Britain was abandoned)  will be build now.

One of Moscow’s reasons for constructing new routes, as we said before, is that in the current system of gas transportation to Europe, transit via Ukraine, Belarus and Poland is perceived as a risk factor. However, the projected new routes cannot solve the problem of Gazprom’s transit dependence, as they cannot fully replace the Ukrainian route.

 The second branch of Nord Stream  (the gas for the first branch has now almost fully entered into contracts) could transport the gas now sent by the Yamal-Europe pipeline via Belarus and Poland (about 31 billion m³). Theoretically, some portion of the gas now sent via Ukraine could be redirected to Nord Stream’s second branch, but this would require constructing new branches and connectives between the gas mains on Russian territory.

Environmental worries

The Regional State Administrative Agency for Southern Finland says that while the construction of the pipeline is expected to release substances like dioxins, metals and nutrients from the seabed they would not cause long-term damage to marine habitats.

The agency added that construction would impose temporary limitations on marine traffic, with a long-term impact on fishery. The Nord Stream consortium is to pay compensation to the fishing industry. The risk of damage to the pipeline is low.

 More than 100m euros have been spent on environmental research. “I believe that Nord Stream will be environmentally safe and reliable”, guaranteed Vladimir Putin.

 Some Baltic countries fear the project could stir up toxins lying on the sea bed, especially those inside a vast number of WWII-era armaments. “It’s serious. We are worried about the dioxins and other poisons on the seabed,” Estonian Prime Minister Andrus Ansip said. “We expect our scientists to get full information about it all.”

 There are also other worries. According to a report on Swedish television, Russian boats dumped barrels of radioactive material, from a military base in Latvia, into Swedish waters in the early 1990s.

 The Baltic is one of the most polluted area in the world and is in danger of becoming a dead sea. In 2007 the countries of the region set the goal of restoring the environmental situation by 2021.

Giuseppe D’Amato

 L’Ucraina è diventata una vera democrazia europea. Questo il reale responso del tesissimo ballottaggio tra Viktor Janukovich e Julija Timoshenko. Kiev dimostra di essere una degna capitale del Vecchio continente. Viene ulteriormente rimarcato il dispiacere per il mancato inserimento dell’ex repubblica sovietica come membro dell’Ue, considerando soprattutto i risultati desolanti dell’allargamento del 2007 a Romania e a Bulgaria. Almeno così si sarebbero messe in sicurezza le rotte per le forniture delle materie prime, anche se si sarebbero ereditati altri grattacapi non da poco.

 “Queste sono state un impressionante esempio di elezioni democratiche – ha evidenziato in una sorta di imprimatur il capo degli osservatori dell’Osce, il portoghese Soarez -. E’ l’ora che chi ha perso lo ammetta”. Una volta che sono state approntate misure contro i brogli – che l’avevano fatta da padrone nel 2004 – le operazioni di voto sono state regolari.

 L’Ucraina è, quindi, oggi la maggiore democrazia dello spazio ex sovietico. Le radici storico-culturali-giuridiche di quello che fu lo Stato lituano-polacco non si sono, per fortuna, perdute nella notte dei tempi. E come nel Seicento Kiev fu la piattaforma per l’occidentalizzazione della Russia, avvenuta qualche decennio dopo con Pietro il grande, adesso si propone come modello da seguire. Perlomeno all’interno del mondo ex sovietico, in lento ed implacabile movimento verso ovest, se i “nipoti di Lenin” non vogliono essere fagocitati dalla neo superpotenza cinese.

 Lo sconfitto della “rivoluzione arancione” diventa così presidente con 5 anni di ritardo. Viktor Janukovich ha compiuto un autentico miracolo. Da imbroglione certificato nel 2004 è ora un leader eletto dal popolo. Julija Timoshenko si è meritata l’onore delle armi, visto il recupero messo a segno. Il 17 gennaio aveva 10 punti di ritardo. Solo 700mila voti, un’inezia, l’hanno costretta alla resa. L’importante è che i due litiganti si mettano ora a collaborare per il bene del Paese, in preda ad una gravissima crisi economica, e non si lancino in inutili faide.

 Non devono soprattutto dimenticare l’incredibile importanza geostrategica acquistata dall’Ucraina dopo il ‘91. Janukovich, che utilizza consiglieri americani, non è un filo-russo e non andrà verso Mosca. Anzi rappresenta interessi dell’imprenditoria nazionale in pieno contrasto con quelli degli ingombranti vicini.

 Il neo-presidente giocherà la carta della presentabilità e della stabilità sia con il Cremlino che con Bruxelles. Senza un accordo tra fornitori e clienti, pensa giustamente Janukovich, Kiev rischia di perdere peso geostrategico. Russi ed europei hanno già messo in piedi due progetti per la costruzione di oleodotti (South Stream - con l’italiana Eni capocommessa – e Nabucco) che bypassino l’ex repubblica sovietica. La loro spesa è astronomica e la materia prima per tutte e due le pipeline manca. Un garante a Kiev degli approvvigionamenti tra Est ed Ovest costa certamente meno.

 

 Due condanne per furto e violenza nonché quasi tre anni passati in galera. C’è anche questo nella biografia di Viktor Janukovich, cresciuto dalla nonna in un piccolo centro del bacino carbonifero del Don. “Furono errori di gioventù”, ha in passato commentato il neopresidente che ricorda l’adolescenza come un periodo di fame e di lotta per la sopravvivenza. Elettricista, poi autista, quindi ingegnere meccanico, ebbe la fortuna di diventare un protetto di Gheorghij Beregovoj, astronauta sovietico, che lo aiutò a muovere i primi passi in politica. Secondo i suoi avversari in realtà politici fu “mamma Kgb” a redimerlo.

 Janukovich è stato a lungo governatore regionale di Donetsk, quindi due volte primo ministro. Nell’autunno 2004 è stato travolto dal ciclone della rivoluzione arancione, quando sembrava ormai destinato a diventare capo dello Stato. Durante gli anni del suo premierato il capo del partito delle Regioni fu apprezzato anche in Occidente, dove l’allora leader ucraino Leonid Kuchma veniva aspramente criticato per gli scandali che lo vedevano coinvolto in prima persona. L’affare Gongadze, con l’uccisione di un giornalista dell’opposizione, e la vendita di armi all’Iraq minarono il suo prestigio tanto che ad un vertice internazionale a Praga la Nato utilizzò la dizione francese, invece che quella tradizionale inglese, per evitare che Kuchma si sedesse vicino a George Bush. Janukovich in quel periodo rappresentava la “faccia pulita” di Kiev. Poi il disastro delle presidenziali del 2004 e la resurrezione con il fallimento degli arancioni pro-occidentali.

 Quest’uomo goffo nei movimenti, ma di una intelligenza fuori dal comune, è sostenuto dall’imprenditoria industriale dell’est. Le maggiori imprese del Paese sono indubbiamente con lui. I suoi detrattori lo descrivono come una “marionetta” nelle mani degli oligarchi, il politico della restaurazione. Il neopresidente, famoso anche per le sue gaffe, viene descritto come vicino a Mosca, ma, invero, quando fu premier aiutò gli oligarchi suoi amici a fare propri i migliori bocconi delle privatizzazioni, andando spesso a scontrarsi con gli interessi russi.

 Contrario all’adesione di Kiev all’Alleanza atlantica, ma favorevole all’integrazione nell’Ue, il quasi 60enne Janukovich ha criticato spesso duramente la politica “mono-vettoriale” del suo predecessore Viktor Jushenko. Un Paese come l’Ucraina (diviso fra le sue due anime contrapposte) non può dimenticare i suoi legami storico-economici con la Russia, con cui va risolto al più presto il problema della presenza della Flotta del Mar Nero a Sebastopoli. La lingua di Pushkin dovrà diventare la seconda lingua ufficiale, venendo incontro ai milioni di russofoni, che si scontrano quotidianamente con una situazione assurda.

 

 Viktor Janukovich, lo sconfitto del 2004,  ha in media 5 punti di vantaggio sulla sua avversaria, Julija Timoshenko. Dovrebbe aver ottenuto quasi un milione e mezzo di preferenze in più rispetto all’attuale premier.

 Per l’Istituto Inter Janukovich ha il 49,7% contro il 44,6% dell’acerrima rivale; per la Fondazione Ucraina  il 49,6% contro il 44,5%; per il Nationalny  il 48,7% contro il 45,5%. Il 5,5% dei votanti ha scelto la voce “contro tutti”. Le regioni sud-orientali, prevalentemente russofone, hanno votato massicciamente per Janukovich, quelle occidentali (più mitteleuropee) e parti delle centrali per la Timoshenko.

 La partita non è, però, chiusa come potrebbe sembrare anche se la differenza tra i due candidati è consistente. Il 17 gennaio scorso tutti i principali istituti di rilevazione sbagliarono grossolanamente le loro previsioni. Nei giorni passati hanno affinato i loro metodi, ma nessuno fornisce complete assicurazioni che questi dati provvisori saranno confermati da quelli finali della Commissione elettorale.

 La tensione si taglia col coltello. Truppe del ministero degli Interni hanno preso il controllo delle zone nevralgiche del Paese e delle aree attorno ai seggi elettorali. I servizi segreti verificheranno i sistemi informativi. Il capo dello Stato uscente Viktor Jushenko ha promesso di garantire votazioni regolari e democratiche.

 Le reciproche pesanti accuse alla vigilia del voto tra Viktor Janukovich e Julija Timoshenko hanno fatto il giro del mondo, ma non hanno intimorito gli elettori, ormai abituati da anni ad una continua guerra mediatica. Stando alle dichiarazioni ufficiali, squadre di specialisti sarebbero pronte a falsare il ballottaggio. Gruppi armati si appresterebbero a prendere il potere a Kiev. L’Ucraina sarebbe sull’orlo della paralisi politico – economica.

 Si teme che il candidato, sconfitto alle elezioni, porti in piazza, con la scusa dei brogli, i suoi sostenitori, come avvenne nell’autunno 2004 con la cosiddetta rivoluzione arancione. Gli exit polls potrebbero non aiutare ad identificare presto e con certezza il vincitore, ma bensì versare ulteriore benzina sugli animi già attesi. Il 17 gennaio 6 rilevazioni statistiche su 6 hanno miseramente fallito se si considera il successivo risultato finale annunciato dalla Commissione elettorale.

 Alla larga dai due litiganti si sono tenuti i candidati giunti terzo e quarto al primo turno, ossia l’influente Tigipko col 13% ed il giovane Jatsenjuk col 6,9%. Ambedue sono ufficialmente neutrali. Tigipko ha rinunciato alle offerte sia di Janukovich che della Timoshenko.

 Le previsioni danno il leader del Partito delle Regioni in testa, ma la premier sarebbe in recupero. Schiere di superpagati consiglieri americani curano l’immagine dei due acerrimi avversari. Paul Manafort è stato ingaggiato da Janukovich dopo che in precedenza questi aveva lavorato per il magnate nazionale Rinat Akhmetov, risolvendogli alcuni problemi strategici. Da imbroglione e nemico popolare durante i giorni della rivoluzione arancione il leader del partito delle Regioni ha un curriculum tutto nuovo. La compagnia AKPD Media, fondata dal consigliere di Obama David Axelrod, fornisce assistenza alla Timoshenko, che si fregia dei servigi anche di John Anzalone, un altro delle “menti” della campagna elettorale dell’attuale presidente Usa. 

 Russia, Stati Uniti ed Unione europea sono in preoccupata attesa. L’Ucraina è un Paese centrale nella geostrategia mondiale. La speranza è che il voto porti in futuro stabilità anche se il prossimo presidente dovrà chiedere ai suoi connazionali forti sacrifici per la gravissima crisi economica in corso.

Ucraina. EuroMaidan 2014

 Baltico meridionale. Poco dopo le 21. La radio ha appena finito di trasmettere il discorso di Adolf Hitler in occasione delle celebrazioni per il 12esimo anniversario della presa del potere da parte dei nazisti. Il vento è gelido, i ponti ghiacciati, l’umidità entra nelle ossa. La temperatura è di circa una decina di gradi sotto zero.

 La Wilhelm Gustloff ha lasciato il porto di Gdynia (Gotenhafen) – non lontano da Danzica – da una manciata d’ore, il 30 gennaio ‘45. A bordo ha 10.582 persone, quasi tutti profughi o feriti. La Germania sta mettendo in atto la maggiore evacuazione navale della storia, con l’obiettivo, poi raggiunto, di portare in salvo due milioni di connazionali, in fuga dalla Prussia orientale. L’avanzata dell’Armata rossa è ormai inarrestabile. Secondo alcune voci, risultate successivamente non vere, sul bastimento è stata caricata anche la famosa Sala d’ambra, dono di Federico Guglielmo I a Pietro il Grande nel 1716.

 Rose Petreus è insieme alla sorella Ursula. Sono originarie di un villaggio, oggi in territorio lituano. “Dove la nave fosse diretta – ricorda la donna – nessuno lo sapeva”. La gente era stivata ovunque. Salire sulla Gustloff, orgoglio della Marina civile del Reich, non era stato facile. La ressa in porto era impressionante, la fila enorme. A tutti i passeggeri era stato distribuito un giubbotto di salvataggio.

 Aleksandr Marinesko è il capitano di un sottomarino sovietico S-13. Ha pessimi rapporti con i suoi superiori. Ha ricevuto l’ordine di controllare le coste dell’attuale Lituania. L’ufficiale sovietico, non si sa perché, si è spinto parecchie decine di chilometri più a sud. All’improvviso dal suo periscopio scorge in lontananza l’ombra di un gigantesco naviglio con alcune luci accese.

 I quattro comandanti tedeschi discutono a lungo sulla rotta da tenere. Sono, però, concordi che la scorta sia insufficiente. La luna dà un tocco di romanticismo ad una notte di paura, mentre tenui fiocchi di neve scendono lentamente dal cielo plumbeo. Viene scelto il canale 58.

 208 metri di lunghezza per svariate migliaia di tonnellate, la Gustloff era stata costruita nel 1937 per essere una ammiraglia, e di superlusso. Ad un certo punto sembrò dovesse addirittura prendere il nome di Adolf Hitler, ma poi il Fuhrer, quasi per scaramanzia, la fece dedicare ad un “martire” del nazismo, ucciso da un ebreo in Svizzera. Dopo il settembre ‘39 la nave assume la funzione di ospedale galleggiante e di mezzo da trasporto truppa nel Baltico.

 I passeggeri si preparano a passare in qualche modo la notte, quando all’improvviso si ode un colpo sordo. Il primo pensiero è di aver urtato una mina o un grosso corpo metallico. Ma non è così. Dopo lunghi minuti di osservazione Marinesko ha sparato 3 siluri. Un quarto con sopra la scritta “per Stalin” è rimasto bloccato nella camera di lancio. “Il secondo colpo fu fortissimo”, rammenta Rose. A bordo scoppia il panico. Dopo poco il terzo siluro colpisce il bersaglio e la Gustloff si inclina su un fianco di 40 gradi. “La gente si mise a correre verso i ponti più alti. Molte persone furono calpestate”, aggiunge Rose. Gli ufficiali lanciano segnali luminosi e gli SOS. Gran parte delle scialuppe non si riescono a calare in mare poiché le carrucole sono ghiacciate.

 “Si udirono parecchi colpi di pistola – scrive nelle sue memorie uno dei dottori di bordo Hans Rittner -. Tanti furono i suicidi. La nave emetteva suoni sinistri. Spaventosi erano gli scricchiolii. Le donne urlavano, i bambini piangevano”. Migliaia di persone sono intrappolate all’interno delle cabine e dei saloni inferiori. I più fortunati si gettano in acqua. I flutti si riempiono in un attimo di disperati con indosso i giubbotti di salvataggio. Alcuni di questi sono troppo grandi per i bambini, molti dei quali galleggiano con le gambe all’insù.

 L’agonia della Gustloff dura quasi 50 minuti. Poi l’ammiraglia, dopo essersi spezzata in tre tronconi, si inabissa, alzando onde altissime. 1239 persone (tra cui Rose e la sorella) vengono salvate dalle navi di soccorso, 9343 sono i morti. E’ la catastrofe marittima più grave della storia, ma anche la meno conosciuta, a differenza dei drammi del Titanic, dell’Andrea Doria o del Lusitania.

 La Germania nazista non ha interesse a divulgare la notizia, gli alleati nemmeno per le ingenti perdite fra i civili. Gli aggressori, dopo tutto, sono le vittime e non i carnefici. Nel 1955 viene prodotto dai tedeschi un film che non riscuote grossi esiti. Il capitano Marinesko finisce in un gulag a conclusione della guerra. Otterrà dei riconoscimenti solo nell’ottobre ’63, tre mesi prima di morire. Gorbaciov gli conferirà postumo il titolo di “eroe dell’Unione Sovietica”.

 Il premio Nobel ’99 per la letteratura, Günter Grass, rompe il silenzio ad inizio secolo col romanzo Il Passo del Gambero. Per lo scrittore originario di Danzica la memoria va recuperata e questo è venuto il momento di farlo. La destra xenofoba e nazista è capace di manipolare il passato solo per supportare la sua ideologia. 

 Con le celebrazioni del ventesimo anniversario del crollo del Muro di Berlino si registra un timido cambiamento nell’approccio dei tedeschi verso la storia recente. Il senso di colpa collettivo per i crimini dei nazisti e l’obbligo di ricordare quei spaventosi delitti sono pian pianino affiancati dalla soddisfazione per i risultati ottenuti nel dopoguerra dalla Germania, una democrazia fondata sui valori costituzionali, che ha saputo creare prosperità e progresso. Una gestione sapiente di argomenti storici così complicati e dolorosi, come quelli in cui i tedeschi sono le vittime, rappresenta una necessità inderogabile davanti alle future generazioni europee.

 Giuseppe D’Amato

 

Welcome

We are a group of long experienced European journalists and intellectuals interested in international politics and culture. We would like to exchange our opinion on new Europe and Russia.

Rossosch – Medio Don

Italiani in Russia, Ucraina, ex Urss


Our books


                  SCHOLL